CONDIVIDI

Edoardo Bianchi Biciclette

La storia
La fabbrica italiana velocipedi (F.I.V.) Edoardo Bianchi, è conosciuta per essere una delle aziende più celebri al mondo nel suo ramo di produzione, nonché quella di più antica fondazione. Le sue origini risalgono al 1885, quando Edoardo Bianchi decise di fondare in quel di Milano un’officina che si occupasse di velocipedi e biciclette da corsa. L’espansione commerciale della Bianchi fu rapidissima e già nel 1914 giunse a produrre la ragguardevole quantità di 45.000 biciclette, oltre che alcune migliaia di automobili e motociclette. Nel 1960, dopo un cinquantennio di grandi soddisfazioni e di trionfi sportivi, l’azienda scelse di trasferirsi a Treviglio, in provincia di Bergamo, nella quale venne avviata la costruzione di un nuovo ed ampio stabilimento. La crisi di vendite che assalì la Bianchi nel segmento delle motociclette trascinò l’azienda sull’orlo del fallimento e costrinse i vertici a mettere in liquidazione la società, cosicché nel 1967, il ramo impegnato nella produzione delle biciclette, la Bianchi Velo, venne rilevata dalla Piaggio.

L’azienda oggi
Oggi, la FIV Edoardo Bianchi fa parte del gruppo svedese Cycleurope AB, che al momento è considerata la più importante azienda del mondo nel settore ciclistico. Nello stabilimento di Treviglio vengono progettati e costruiti telai professionali di alta qualità, sia per le bici da corsa Bianchi che per alcuni dei marchi più celebri al mondo, entrati anch’essi a far parte del gruppo Bianchi- Cycleurope AB. La produzione della Bianchi, malgrado la grande attenzione dedicata nel corso degli anni alle corse e alle grandi gare a tappe, non si limita alle bici da competizione, ma riguarda anche biciclette da passeggio, BMX e mountain bike. Simbolo storico dell’azienda è il colore con cui venivano ed ancora oggi vengono realizzate le bici, quel verde acqua che oramai occupa un posto speciale nel cuore di tutti i ciclo-appassionati del mondo e che da tanti viene definito “celeste Bianchi”.

I campioni che sono montati in sella alle biciclette Bianchi
I modelli prodotti dalla FIV Edoardo Bianchi, nel corso dei decenni hanno accompagnato decine di grandi campioni delle due ruote a trionfi che hanno contribuito a scrivere la storia di questo sport. I campioni del passato che hanno impiegato queste bici sono tantissimi, a partire da colui che da tutti era conosciuto come il diavolo rosso, Giovanni Gerbi, uno dei pionieri della disciplina, che nei primi anni del ‘900 riuscì a vincere molte edizioni delle grandi classiche italiane, oltre a tre giri del Piemonte e ad un giro di Lombardia. Dopo Gerbi, hanno inforcato le biciclette Bianchi altri grandissimi campioni come Fausto Coppi, Costante Girardengo, Felice Gimondi e Marco Pantani.

Materiali di elevata qualità
Bianchi, dall’alto dei suoi oltre 130 anni d’esperienza, produce articoli caratterizzati da una qualità sorprendente e da un’elevatissima tecnologia. La filosofia aziendale vede nel telaio il cuore pulsante della bici e, nel corso degli anni, proprio l’elemento telaistico è stato più volte al centro di un’intensa ricerca finalizzata alla produzione di soluzioni che anticipassero i tempi e la concorrenza. Le migliori biciclette al mondo vengono prodotte con i materiali più avanzati e leggeri in circolazione (il carbonio su tutti) ed impiegando le geometrie più performanti. Perché Bianchi è sinonimo di innovazione e qualità.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO