CONDIVIDI

Come nascono il marchio Converse ed i famosi modelli di sneakers del noto brand.

La lunga storia del marchio Converse inizia a Malden, nel Massachusetts, nel lontano 1908 quando l’azienda americana viene fondata dal geniale Marquis M. Converse che decide di creare un brand con il suo cognome e di produrre scarpe in gomma di ogni tipo, con particolare riferimento galosce. Al brillante Marquis, però, ci vuole davvero poco per scoprire che la tecnologia di produzione delle scarpe e la gomma impiegata come materia prima possono essere utilizzate anche per altro. Iniziano, così, i primi esperimenti che nel 1923 portano alla creazione delle famose scarpe da ginnastica modello All Star. Il progetto nasce dalla collaborazione con Chuck Taylor, un famoso giocatore di basket dell’epoca, che era alla ricerca di un paio di scarpe da ginnastica comode che potesse migliorare la sua tecnica di gioco. Lo studio congiunto dei tecnici della Converse e le idee brillanti di Taylor si traducono nel primo paio di All Star nella forma che tutti conosciamo: il prototipo viene realizzato con i colori rosso per la scarpa e nero per le rifiniture.

Le intuizioni di Converse, però, non si esauriscono qui. Dopo aver incassato l’apprezzamento di Chuck Taylor e aver girato in lungo e in largo gli Stati Uniti per promuovere le sue scarpe, il patron dell’azienda decide di pubblicare il Converse Basketball Yearbook, una sorta di annuario fotografico nel quale vengono raccolte tutte le foto dei giocatori che indossano le scarpe da ginnastica All Star. E’ successo immediato tanto che Converse decide di rendere la pubblicazione periodica. Per molti anni le All Star Converse diventano le scarpe per eccellenza di coloro che praticano basket ma è dagli anni Sessanta in poi – e fino alla fine degli anni Ottanta – che avviene una vera e propria rivoluzione nel modo di concepire le All Star. Infatti, si sdoganano dal concetto di essere esclusivamente scarpe sportive per diventare il simbolo di una generazione che, al di là dei colori politici, di razza e di religione, vuole essere giovane e spensierata. Il culmine della popolarità viene raggiunto negli anni Ottanta quando le All Star si vedono ai piedi dei protagonisti di celebri film e telefilm come Grease, Rocky e Happy Days. Tutte le stelle della musica e del cinema più illustri ne vogliono indossare un paio e così vengono create scarpe personalizzate speciali per artisti del calibro di Ozzy Osbourne ma anche di gruppi famosi come The Doors e i Pink Floyd.

Oggi le All Star sono tornate prepotentemente di moda, sia nella versione alta che in quella bassa. I dati ufficiali parlano di circa il 66% degli americano che dichiarano di possedere o aver posseduto almeno un paio di All Star: una statistica importante per avere la misura del fenomeno che vede protagonista le scarpe da ginnastica più famose di tutti i tempi. Dagli inizi del 2000 il brand Converse è stato acquistato da un altro colosso del settore, la Nike, che ha lanciato sul mercato moltissimi modelli nuovi, non tanto nelle linee – che dal 1923 sono sempre le stesse, nel puro rispetto della tradizione – quanto piuttosto nei colori e nelle rifiniture e fantasie.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO