CONDIVIDI

Perché mio figlio dovrebbe iniziare a giocare a calcio

Ormai è ampiamente dimostrato che fare sport migliora la nostra salute, infatti tutti i medici consigliano di praticare esercizio fisico anche giornalmente.
Il calcio è lo sport più amato da noi italiani, fin da piccoli ci appassioniamo a questo meraviglioso gioco, che ci coinvolge con così tanta passione e ci lega a degli atleti che fanno dello sport la loro vita.
Allora è utile far iniziare i nostri figli a giocare a calcio? E sopratutto, perché scegliere proprio il calcio come attività sportiva?
I benefici sono numerosi, ma è doveroso ricordare che, come in ogni sport, per poterli sfruttare, serve una grande tenacia, uno stile di vita sano e anche uno spirito di sacrificio sportivo.

Innanzitutto lo sport in generale, ma il calcio sopratutto, ha dei risvolti psicologici evidenti in un bambino.
Uno sport come questo mette in risalto lo spirito di squadra, l’unione fra tanti calciatori che collaborano fisicamente e spiritualmente per cercare di segnare un gol e vincere la partita.
L’aspetto sociale nel bambino è fondamentale: quello che vivrà e imparerà in questo periodo della vita lo terrà in mente per sempre, scolpirà la sua personalità e lo aiuterà anche a scavalcare gli ostacoli che la vita gli porrà davanti.
La collaborazione, la condivisione di sacrifici e gioie e il legame con i propri compagni, rende quest’attività importante per la crescita sociale e morale del nostro bambino.
Inoltre si crea una sorta di empatia con l’avversari: nel calcio si può lottare per un pallone, anche duramente, ma alla fine di una partita ti rendi conto che l’avversario è uguale a te e si crea così un senso di rispetto profondo.

Il calcio non discrimina, è uno sport meritocratico. Non importa l’altezza del nostro bambino, la sua stazza o la sua capacità di correre e resistere a lungo: siamo tutti uguali, tutti possono inseguire un pallone allo stesso modo.
Gli allenamenti serviranno proprio a questo, a migliorare la loro condizione fisica, la loro concentrazione e la loro capacità di afferrare con determinazione qualsiasi loro obiettivo.
Inoltre l’aspetto tattico del calcio può avere una grande influenza sulla crescita del bambino: il tatticismo ispira e sviluppa il ragionamento logico, insegna non solo ad attaccare o difendere istintivamente, ma sopratutto a ragionare e calcolare bene la prossima mossa da eseguire.

Come non parlare poi dei benefici fisici. Il calcio fa sviluppare in modo eccezionale i muscoli dei nostri figli, non solo quelli delle gambe, ma quasi tutti i muscoli del corpo vengono allenati.
Anche l’apparato scheletrico viene fortificato grazie all’esercizio fisico: questo beneficio a lungo andare diventa importante. Si ha anche un rafforzamento dei tendini e dei legamenti.
Inoltre si ha un netto miglioramento della postura e della struttura del rachide, fondamentale in un età cosi delicata da questo punto di vista.
Ne deriva una forza maggiore, una migliorata resistenza, dei riflessi più pronti e la capacità del sistema respiratorio risulta nettamente migliorata.
Anche il sistema cardiocircolatorio ne trae grandi benefici, con un cuore che riesce a pompare più facilmente il sangue ed una maggiore vascolarizzazione degli organi e muscoli più importanti del nostro bambino.
Il potenziamento di questi due ultimi sistemi aiuta a prevenire anche molte malattie, purtroppo comuni nei bambini di questa età.
Lo sviluppo dei nostri bambini avverrà in modo più salutare: si svilupperanno maggiormente in altezza, manterranno un peso forma adeguato e riceveranno fin da piccoli il grande esempio di una dieta equilibrata e uno stile di vita sano, che sarà cruciale seguire anche negli anni successivi.

Il calcio è uno sport bellissimo, che regala stimoli nuovi e aumenta anche l’autostima del bambino. E perché no, se riesce a dimostrarsi un piccolo campione, può ambire, con la giusta passione ed un profuso impegno, a farlo diventare il suo remunerativo lavoro.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO